Art & Design Gallery

Osservatorio Artistico

L’Associazione “Osservatorio Artistico” è l’organizzatrice dell’evento “United Factories – EXPO 2015” ed è presieduta dal dottor Valerio Villoresi di Milano.

COSA E’ UNITED FACTORIES

United Factories si configura come un network che coinvolge artisti, designer, aziende ed associazioni provenienti da tutto il territorio nazionale. Villa Rescalli – Villoresi è la sede base dell’evento e del Museo Dario Mellone.

I sito di Villa Rescalli – Villoresi è: http://www.villarescallivilloresi.it/

ARTISTS FACTORIES a cura di Paolo Feroce

La filosofia del sodalizio organizzativo di United factories, composto da figure professionali provenienti da diverse aree della Penisola, nasce per reagire alla fase di ristagno della creatività che il Bel Paese sta attraversando. Tale riflusso non è dovuto ad una carenza di energie creative né, tanto meno, ad una mancanza di strutture o di operatori dalle antenne sensibili.

Nell’attuale “deserto”, difatti, spuntano nuove cattedrali, alcune sontuose, tanto da poter competere con quelle delle grandi città europee. Altre più dimesse, ma comunque vitali e laboriose, simili a graziose oasi tra le dune. Solo che il deserto rimane tale: le grandi strutture allestiscono vetrine periferiche solo per artisti e marchi affermati, preoccupandosi di capillarizzare la diffusione delle loro produzioni come fossero seriali. Mentre le piccole, per vocazione più sensibili al dato locale, non hanno la propulsione necessaria per lanciare le loro “carovane” oltre il confine. Il risultato è che i veri artefici del “made in Italy”, quelli che operano “costantemente” sul territorio senza i grandi finanziatori, permangono confinati in un isolamento forzato, con il rischio che la mancanza di visibilità all’esterno possa esercitare anche un influsso negativo sui loro percorsi di crescita individuale. In tale contesto, ARTIST FACTORIES intende rispondere ad un’esigenza di mediazione che si è resa necessaria: ridare visibilità al fare artistico e creativo, offrendo opportunità professionali senza pagare un pedaggio troppo alto alla comunicazione di massa ed ai poteri forti.

ARTISTI IN ESPOSIZIONE

Adriano Rossoni | Alfonso Coppola | Andrea Ciresola | Angelo De Masi | Domenico Fatigati | Elisabetta Trevisan | Ennio Montariello | Enrico De Maio | Enzo Casale | Isabelle Lemaitre | Laura Venturi | Marco Napoletano | Rino Feroce | Roberto Casati | Roberta Serenari | Saturno Buttò | Vincenzo Mascia | Alfredo Torsello | Antonio D’Amore | Antonio Ricci | Ario Lembo | Claudio Irmi | Dario Cogliati | Davide Cristofaro | Dora Romano | Enrico Milesi | Epifanio Matè | Eric Pottier | Fabiola Murri | Gabriella Tolli | Giampiero Maldini | Gian Genta | Giorgio Centovalli | Giovanni Mangiacapra | Girolamo Turano | Giuseppe Cacciatore | Giuseppe Caudullo | Herwig Maria Stark | Isabelle Henry | Iabelle Lemaitre | Livio Lopedote | Luigi Caserta | Luigina Mazzocca | Rosario Ascione | Stefano Favaretto | Norma Picciotto | Marco Perna | Marco Randazzo | Max Leuthenmayr | Marilena Karagkiozi | Marinella imbalzano | Massimo Barlettani | Maurizio Piccirillo | Milena Crupi | Mimmo Fabozzi | Mirella Tonellotto | Nunzia De Feo | Olga Donati | Patrizia Canola | Patrizia Crupi | Ralph Hall | Renzo Sbolci | Roberto Antonacci | Roberto Casati | Roberto Pellicanò | Silvye Renault | Stefano Gamba | Tania Pennestrì | Teresa Luzii | Tina Parotti | Tiziana De Felice | Veronica Francione

DESIGN FACTORIES

Dal Design per l’Industria al Design Industrioso a cura di Sergio Catalano

Negli ultimi anni Il Global ha influito fortemente sul Local, rivoluzionando gerarchie economiche, politiche e sociali. Anche nel campo del design una nuova Glocalizzazione ha modificando i tradizionali equilibri tra progetto, impresa, marketing e comunicazione facendo emergere nuove figure come quella del designer / impresa che non lavora più “per l’industria” ma “si industria” per realizzare il suo progetto a cui conferisce anche un valore sociale. Tali realtà rappresentano spesso un’opportunità di emancipazione del progettista (talvolta mortificato dal ruolo di semplice prestatore d’opera occasionale) dalle logiche di profitto dell’industria.

La mostra DESIGN FACTORIES intende presentare il lavoro di alcuni di questi designer che hanno assunto in prima persona il rischio di un’idea investendo proprie risorse, organizzando e controllando tutte le fasi del processo produttivo e distributivo per promuovere in molti casi un proprio brand. Spesso le loro produzioni cercano di difendere originalità e peculiarità della cultura locale dall’appiattimento della globalizzazione, ma aspirano al tempo stesso ad assumere una rilevanza trans-nazionale, secondo il motto think global, act local. Altre volte interagiscono con reti collaborative locali in un rapporto paritetico con piccole aziende o artigiani presenti sul loro territorio, o globali attraverso l’uso di network transmediali, per realizzare produzioni strettamente legate ad una loro idea di design o ad un’aspirazione personale.

La mostra propone dunque una selezione di una particolare realtà in progress del design italiano evidenziandone la qualità progettuale e produttiva, il suo crescente inserimento nel mercato ed il ruolo di valida prospettiva per future condizioni di indipendenza e redistribuzione di opportunità per il mondo del design.

Designer – Azienda in esposizione

Alfonso Vitale, Angelo Ferrucci – Con Tatto Design | Aniello Rega, Nello Valentino – Bhumi Ceramica | Andrea Jandoli, Paola Pisapia – suDesign | Cetti Davi, Dario Feo / MU’factory | Claudio Larcher, Filippo Protasoni – Clique | Daniele Della Porta – PuntoLargo | Davide Montanaro – StudioDesgn | Denis Santachiara – Cyrcus | Francesco Giannattasio – TagliamociSu | Gian Piero Giovannini – Irto | Giulio Iacchetti – internoitaliano | Giuseppe Finocchio – Casacomeme | Gumdesign – UpGroup | Lorenzo Damiani – Lorenzo Damiani Autoproduzione | Marianna Contaldo, Francesco Esposito – Esprimo Design | Maria Christina Hamel – La Tavola Italiana | Moreno Ratti, Paolo Ulian – 40×40 Autoproduzione | Roberto Monte – Robertomonte_designer | Sergio Catalano – Catalano Design Lab | 4P1B – Edizione Limitata | Denis Santachiara, Elena Cutolo, Franco Raggi, Giorgina Castiglioni – Milano Makers

CIBUS FACTORIES a cura Paolo Feroce

I prestigiosi spazi di Villa Rescalli Villoresi, rappresentano la cornice ideale per presentare alcune produzioni di eccelleza del buon Gusto Italiano. La selezione dei prodotti in esposizione raccoglie il meglio dei prodotti locali della Città di Teano (Luogo dello storico incontro), proponendo al pubblico internazionale della Biennale una sintesi della impareggiabile qualità enogastronomica che ha reso il cibo Made in Italy famoso in tutto il mondo.

  • ORGANIZZAZIONE GENERALE

    Associazione OSSERVATORIO ARTISTICO – Presidente Dott. Valerio Villoresi – Milano

  • CONSULENZA LEGALE

  • Sita Boggio Sella – Torino

  • CONSULENZA FISCALE

    Studio Previtali / Villoresi / Covre and Associati – Milano

  • DIREZIONE ARTISTICA GENERALE

    Paolo Feroce – Teano (CE)

  • DIREZIONE SEZIONE DESIGN VILLA RESCALLI – VILLORESI

    Arch. Sergio Catalano – Scafati (SA)

    PARTNER

  • Fondazione Muso Dario Mellone / Villa Rescalli – Villoresi – Busto Garolfo (MI)

  • Fondazione Villa Rescalli Villoresi – Busto Garolfo (MI)

  • Fondazione Dario Mellone – Milano

  • Expoincittà

  • Associazione Ville, Dimore e Corti Lombarde

  • Città di Teano (CE)

  • Museo Dario Mellone – Busto Garolfo (MI)

  • Museo MAGMA – Roccamonfina (CE)

  • Kartone – Partner per gli allestimenti

  • join-lamp – Lighting partner

  • Cantine Regina Viarum – Falciano Del Massico (CE)

contatti: milanoeventiarte@gmail.com