Art & Design Gallery

Antonio Ricci

Antonio Ricci nasce nel 1943 in provincia di Frosinone, attualmente vive ed opera a Riano, in provincia di Roma.

Pur vivendo sempre una grande passione per il disegno ed i colori per molti anni viene completamente assorbito dalla propria attività professionale di ingegnere presso l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato in Roma e solo a partire dalla metà degli anni ’90 inizia a dedicarsi con costanza alla pittura. Egli basa la sua forza espressiva su una solida e lunga pratica del disegno alle cui tecniche viene educato negli anni liceali dal M° Franco Verroca. Nella continua ricerca, come autodidatta, di proprie forme di linguaggio pittorico non frequenta gallerie d’arte e mostre di pittura praticamente fino al 2009 quando, maturate proprie proposte artistiche, comincia ad esporre con l’Associazione “Cento Pittori Via Margutta” di Roma proseguendo poi, per gli unanimi consensi di pubblico e gli apprezzamenti critici, in un crescendo di partecipazioni a eventi d’arte e concorsi di alto profilo artistico riscuotendo importanti riconoscimenti.

Nel 2012 entra a far parte della prestigiosa Accademia di San Lazzaro presieduta dal Critico d’arte Daniele Radini Tedeschi. Nel 2014 entra in collezione al MAGMA dalla mostra “OPERA 2014” presso lo stesso Museo. Sue opere sono in esposizione permanente presso la Pinacoteca della Facoltà di Belle Arti di Luxor (Egitto) e la Pinacoteca della Galleria d’Arte Stomeo di Martano (LE).

Citazioni e critiche di sue opere sono presenti sulle pubblicazioni d’arte:

“Itinerari d’Arte Contemporanea – dalla crisi alla figurazione attraverso la Triennale di Roma 2011” a cura di D. Radini Tedeschi
“Il Libro d’Oro dell’Arte Contemporanea” a cura di S. Valeri e S. Rossi
“Salento Silente” a cura di Pompea Vergaro
Catalogo “Torino-Lecce a Luxor” a cura di Gianna Stomeo e Nicola Tatullo
Catalogo “L’Elite” 2014, numero speciale del 40° anniversario
Principali Mostre e riconoscimenti

Dal 2009 espone con l’Associazione “Cento Pittori Via Margutta” in varie mostre ed in location tra le più caratteristiche di Roma come via Margutta e piazza Farnese.

Nel 2010 si classifica al 2° posto al concorso “Campo de’Fiori” presso l’Accademia di Romania in Roma, Giuria presieduta dal M° Ennio Calabria.

Nello stesso anno riceve una “Segnalazione Speciale” alla Prima Biennale di Lecce del 2010 e successivamente partecipa a diverse importanti mostre in terra salentina.

Ha esposto presso le prestigiose gallerie di Roma “La Pigna”, con la minipersonale “Spiritualità” curata dal critico d’arte Maria Teresa Prestigiacomo, ed il complesso museale “L’Agostiniana” in Piazza del Popolo nella Triennale d’Arte di Roma 2011 “I Big dell’arte contemporanea”, curatela del critico d’arte Daniele Radini Tedeschi.

Con la stessa curatela ha partecipato alle mostre “Trenta artisti rendono omaggio a Michelangelo Buonarroti” presso il chiostro della Basilica dei SS. Apostoli in Roma, che ospita il cenotafio del grande artista.

Nel 2013 presenta la personale “Il Sogno del M° Antonio Ricci” presso la galleria dell’Associazione Culturale “L’Arca dei Folli” in Cupra Marittima (AP) con la quale partecipa dal 2012 a diversi eventi espositivi e culturali curati dal poeta e critico d’arte Danilo Tomassetti.

Nel 2013 partecipa, in qualità di presidente, alla Commissione Giudicatrice del XXXIX° Concorso Nazionale di Pittura Contemporanea “Premio Cupra 2013”.

Nel 2013 partecipa alla collettiva “Torino Lecce a Luxor” presso la Facoltà di Belle Arti di Luxor.

Dal 2012 è presente in diversi eventi espositivi presso l’antica galleria del Centro Artistico Culturale “Il Leone” in Roma diretta dal M° Ginco Portacci con la collaborazione dei critici d’arte Claudio Lepri, Giuseppe Giannantonio e Antonino Portaro.

Dal 2013 espone in mostre di grande interesse artistico presso il Museo di Arte Contemporanea MAGMA di Roccamonfina (CE), curatela di Paolo Feroce, quali “Trend Line 2013”, “Opere in Rosso”, “OPERA 2014”.

Recensioni Critiche

(…) Abile sia nella resa cromatica che nella formulazione del disegno, l’artista concentra la sua attenzione sulla figura umana analizzata nella sua intimità e interiorità, espresse queste ultime grazie ad un linguaggio del corpo pregno di spirito vitale. Alcuni suoi dipinti raffigurano moti dell’inconscio e ottengono i risultati desiderati grazie ad una forza luministica netta consapevole e meditata su schemi classici ….

Prof. Daniele Radini Tedeschi

Le figure di Antonio Ricci sono fortemente espressive, ricche di fascino e di mistero e rimandano, con sottile simbologia, a variegati ambiti esistenziali, culturali e psicologici. L’artista le realizza utilizzando un linguaggio figurale raffinato, equilibrato in tutte le componenti, elegante nella sobrietà delle scelte timbriche e tonali, talora accostate per contrasto o ristrette fino alla monocromia. Un linguaggio tramato di emozioni sussurrate, pago di una plasticità scultorea nella modulazione di luminosità, panneggi ed ombre, che concorrono a definire forme vitali, sensuali, assorte, sempre comunque ritmate da intuibili risonanze interiori.

Roberto Perdicaro

(…) L’arte per Antonio Ricci è un’esperienza intima, determinata dalla volontà di registrare senza filtri la vita quotidiana con un intento realistico, scevro da ogni mero tecnicismo e volto, piuttosto, a restituire l’emozione autentica della visione. Non stravolge il dato reale, ma lo sottopone a una sorta di sublimazione, così da lasciar affiorare sulla superficie la poeticità insita in un paesaggio o in una figura. La brillantezza cromatica e la nitidezza del disegno concorrono alla plasticità delle forme, evidenziata dall’uso particolare della luce, la quale, oltre a conferire rilievo ai corpi, assume una funzione simbolica(…)

Simona Scaldaferri

La qualità artistica, gli scenari e le tematiche fanno di Antonio Ricci un assoluto protagonista del nostro panorama artistico. Le sue opere hanno sempre un riferimento concettuale, sono magnifiche definizioni di sentimenti espressi su tela con immediatezza e profonda sensibilità, con particolare attenzione all’universo femminile e alle relative problematiche

Prof. Claudio Lepri